UNA PER UNO

UNA PER UNO
babbucce

sabato 29 ottobre 2011

DI CORNACCHIE, GENERI E DEMONI

GP (genero preferito) è specializzato in soprannomi che finiscono per calzare sul soprannominato meglio del suo stesso nome e che quindi diventano per lui una specie di seconda pelle. Da questa abilità sono nate chicche di notevole valore semantico: basti pensare che per sua madre Nella, donna dal sorriso luminoso e dalle forme morbide da ottima cuoca e ancor migliore forchetta,  ha coniato un superbo Snella, da usare sempre e solo con l’articolo determinativo (“Passo a salutare LaSnella”).
Non mi è dato da sapere come chiama me perché evidentemente il soprannome che mi ha scelto supera la soglia della confidenza che ci può essere tra una suocera che sa a memoria tutto Guccini e per natura non si prende troppo sul serio e un Genero Preferito irriverente e charmant. Credo comunque, così a spanne, che in una scala della presa per il culo da 0 a 10 probabilmente siamo assestati sul 9 pieno. Del resto di tutto ci si può aspettare da uno che sentendo una cornacchia  gracidare nell’aria fresca del mattino si è girato verso Figlia e con l’ aplomb che costituisce la sua principale peculiarità le ha detto: <<E’ arrivata tua madre>>.  Peccato veniale comunque, per il quale ha già fatto una bella penitenza: Figlia dopo un paio di giorni dall’accaduto gli ha raccontato di avermelo riferito nel dettaglio. Lui ha boccheggiato un po’ e poi, poco prima di svenire, ha invocato la terra di inghiottirlo mentre Figlia, al cui confronto Crudelia De Mon è la presidentessa dell’ENPA, si è ben guardata dal dirgli che a me quell’uscita aveva fatto ridere. Anzi ha scelto senza esitazione di fargli credere che mi ero offesa come solo le suocere sanno fare, cioè a morte.
Manflor è il soprannome che GP ha dato a Figlia.  Manflor è un demone minore, appartenente alla nutrita legione dei diavoli che si sono guadagnati l’inferno in quanto sono superbi, orgogliosi, cocciuti, prevaricatori e tiranni a esclusivo uso e consumo del compagno di vita, mentre col resto dell’umanità sono concilianti, compassionevoli, aperti al dialogo e all’accettazione. I Manflor (secondo GP che ne è il biografo ufficiale) sono quanto di più subdolo ci possa essere: danno il peggio di sé solo quando sono a tu per tu con il partner e non li sente nessuno.
E se Figlia è Manflor,  Nipotino che ne è il naturale prolungamento è diventato in automatico il Piccolo Manflor.  
Così GP l’altro giorno mi ha telefonato con voce preoccupata chiedendomi:
<<Sai qualcosa dei Manflor? Hanno il telefono staccato e non sono a casa>>
<<No, non ne so niente, ma adesso mi hai messo in panico, tante grazie. Ah, dimenticavo: cra cra cra>>, ho concluso sadicamente, prima di riagganciare, tanto per rammentargli che la faccenda della cornacchia me la ricordavo benissimo.
Trenta minuti dopo, quando ormai ero incerta se chiamare il Pronto Soccorso o la questura, sezione speciale “Tratta delle bianche+figliolino”,  mi ha mandato un sms con su scritto:
<<I Manflor sono tornati>>
<<CRA!>>, gli ho risposto,  con laconica perfidia.

  

7 commenti:

  1. Sto ridendo a voce alta (e disturbando il marito che vorrebbe studiare mentre Stellina dorme) anche perché su FB sto seguendo proprio adesso un'accesissima discussione di un'amica che teme di aver offeso la suocera a morte :-D
    Quello di trovare soprannomi azzeccati è un talento raro (e quello di riderci sopra anche di più ;D)

    RispondiElimina
  2. pero' allora un pochino te la sei presa?
    e che dice nipotino? mi fanno bene i tuoi racconti, mi rallegrano l'ancora lunga attesa... qui siamo ancora a poco piu' di meta' strada...
    squa

    RispondiElimina
  3. TABATA POTTER
    Squa, no non me la sono presa, mio genero mi è simpatico, apprezzo il suo senso dell'umorismo e gli sono grata per le risate che fa fare a me e soprattutto ai Manflor :-)

    RispondiElimina
  4. Barcamenarsi fra Generi e Figli e Nipotino non è sempre facile! Ci vuole senos dell'umorismo da ambedue le parti! Fortunata ad avere un GeneroPreferito. :-)

    Ciao, R

    RispondiElimina
  5. ma GP legge il blog? se sì, ormai saprà delle tue risate al suo commento… peccato! la perfidia mi piace assai! ;-)

    RispondiElimina
  6. ...senza le nonne ed i nonni non si vivrebbe...quindi molto spesso vanno anche "perdonati"....ma anche voi suocerette ogni tanto ....potreste...."abbozzare".
    Bel post!!!!!!!!!

    federica
    http://federicassecret.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. tutto bene Tabata?
    mi mancano i tuoi racconti! Oggi riflettevo e scrivevo sulla poetica della felicita' e ti ho pensata tutta felice nell'attesa del nipotino ed immagino immersa ora in quella felicita' che e' venuta alla luce...

    RispondiElimina